suzanne.

15 luglio 2015 § Lascia un commento

canzone delle due e qualcosa, per chi non c’era. una di quelle canzoni che vanno al di là del proprio autore, come se fossero state scritte da qualcuno al di là dell’umano. quasi tutti possono cantarle, tutti possono sentirle. canzoni di solito scritte da giovane, ma che forse capisci davvero solo da vecchio. un po’ la dolce fregatura di questa vita, ovvero quando sai quello che avresti voluto dire solo quando sei già per le scale che te ne stai andando. è per questo che si scrive qualcosa, credo, per toglierti di mente ciò che non sei riuscito a dire. perché tutti hanno incontrato una suzanne, e tutti ci siamo sentiti soli come gesù cristo. grazie, mr. cohen.

“And Jesus was a sailor when he walked upon the water,
And he spent a long time watching from his lonely wooden tower,
And when he knew for certain only drowning men could see him,
He said “all men will be sailors then until the sea shall free them,”
But he himself was broken, long before the sky would open
Forsaken, almost human, he sank beneath your wisdom like a stone”

pinkedelie.

21 giugno 2015 § 1 commento

un bassista samurai che non perde un colpo, un tastierista schizzato puzzolente che parla di battisti/battiato e che avrebbe davvero bisogno di una doccia, un chitarrista metal invisibile, un batterista alicecooperiano in bikini e colbacco che a fine concerto esce fumando non so quale droga da una mela, e infine ariel pink con la panza che se non avesse fatto il musicista sarebbe probabilmente diventato un serial killer. che adorabile banda di freak. (special guest, a fine concerto: un tipo che sproloquia di dio e papa francesco)

Sun Kil Moon @ Roma, 08/06/2015; impressioni.

12 giugno 2015 § Lascia un commento

steve shelley drumstickE così, invece che nell’Auditorium del Primavera, Mark Kozelek/Sun Kil Moon finisco per vedermelo nell’Auditorium di Roma. Il palco sembra diviso in due parti, da una parte Kozelek, dall’altra la band, che per questa sera conta addirittura gente come Steve Shelley (Sonic Youth) e Neil Halstead (Slowdive); c’è poca luce, e spesso Kozelek cerca proprio il buio, vaga per il palco, canta e si nasconde lì dove non può essere visto, come cercando qualcosa, o qualcuno, che non c’è più. Da quel poco che lo conosco mi sembra che le canzoni di Kozelek narrino di cose e persone che non ci sono più, infatti, soprattutto quelle del penultimo Benji, e nonostante questa sera si presentino sotto una veste più elettrica, l’intensità resta, così come l’emozione, grazie a una voce unica. Ma stasera Kozelek è di poche parole, non dice quasi niente, non lasciandosi andare alle solite polemiche che circondano il personaggio; sembra aver alzato un po’ il gomito, il corpulento Mark, almeno questa è l’impressione quando biascica qualcosa, però sul palco beve solo acqua. A un certo punto una canzone non riesce a ingranare, il riff gli esce troppo metallico, troppo alla Scorpions, sottolinea, così fa ripetere l’attacco più di una volta ai batteristi. Quasi gli scappa da ridere, quando sembra volersi giustificare con la band, umilmente, voi siete okay, sono io che non riesco a cantare su questo groove; Steve tu ci hai pure suonato, su questo disco. Ma non fa niente che non tutto fili liscio, per la perfezione – semmai esista – abbiamo i dischi, e poi la chitarra (e la voce, talvolta) di Halstead rendono il tutto ancora più magico, se possibile. Verso la fine del concerto, Kozelek sembra essersi sciolto abbastanza da scambiare qualche chiacchiera col pubblico; si complimenta con noi, per quanto siamo stati educati e silenziosi. È emozionato, si sente goffo, però non può far a meno di notare, con un certo deluso rammarico, quanto nella prima fila ci siano solo uomini in scarpe da tennis, niente ragazze. È che il tempo passa, caro Mark, non sono più quei giorni di quando avevi la fila di groupie fuori dal locale; certe cose non tornano più, e lo sai bene. A fine concerto, non avrei certo pensato sarebbe uscito di nuovo sul palco, considerata la sua fama da misantropo, e invece eccolo lì, a firmare tranquillamente biglietti. Appare pallido e stanco, Mark, assonnato, e quando mi avvicino per farmi firmare la scaletta fortunosamente agguantata, emozionato come non mi capitava da tempo, lui la prende e la guarda, fa uno scarabocchio, sembra stia per ridarmela, ma invece mi chiede chi me l’ha data, senza nemmeno guardarmi, e poi se ne va senza restituirmela, è roba sua, farfuglia. Presumo che con una ragazza non si sarebbe comportato così, io sono solo uno di quei tizi a caccia di un autografo. Non so se mettermi a ridere o incazzarmi, sono piuttosto perplesso, davvero; anche quando lo racconto agli altri, quasi non ci credono. Il buon Steve certo non ha avuto problemi a regalarmi una sua bacchetta usata, e scambiare quattro chiacchiere, cordiale e tranquillo. La gioventù sonica è tutta un’altra storia, evidentemente. Pazienza. L’ultima immagine che ho di Kozelek è lui che esce dall’Auditorium con quattro, cinque, mazzi di chiavi in mano, per farci cosa, proprio non so. Vorrei chiedergli perché si è ripreso la scaletta, quanto può mai valere per lui, è solo un pezzo di carta, in fondo, e di certo non gli avrei rubato un verso o un’accordatura, ma ho paura di prendermi un pugno in faccia, e quindi non mi azzardo. Chissà, magari un giorno una canzone racconterà di questa sera in cui un maledetto italiano ha cercato di rubargli la scaletta, e spiegherà anche il mistero delle chiavi. E così niente, me ne torno a casa, consapevole che è davvero difficile capire un uomo, nonostante, e forse soprattutto per, la bellezza delle cose che scrive.

rondini.

5 giugno 2015 § Lascia un commento

simone marie tweetuna giornata più o meno normale. stamattina una rondine un po’ confusa e spericolata riesce a entrare attraverso il balcone praticamente chiuso, si fa un paio di giri in camera e una volta riuscita a uscire si butta giù, e oggi scopro che la fascinosa bassista dei primal scream ha aggiunto ai preferiti un mio tweet, capendoci poco o niente, immagino. interpretazioni?

matrimoni.

4 giugno 2015 § 1 commento

arrivata la bella stagione, si torna in bici; dopo il tramonto, ché c’è ancora un po’ di fresco. sul lungomare, la solita coppia di sposi alle prese con un servizio fotografico che sigilli l’unicità del magico giorno. ma oggi la coppia di turno non è abbigliata da matrimonio, i vestiti sono normali; sono semplici fidanzati che promettono, sperano, di sposarsi, o che? qualunque sia il motivo che li spinge, hanno comunque deciso di pagare un fotografo che immortali al meglio il loro amore… fanno quindi finta di baciarsi, goffamente in piedi su una malferma barchetta. non una scelta proprio felice, questo set, devo dire… o forse proprio una metafora adeguata alla cagionevolezza dell’amore, sì. niente dura per sempre, infatti, come giustamente mi ricorda nel frattempo il pezzo che mi risuona nelle orecchie.

“People can be precious
But they ain’t for keeping
I got too possessive
But souls ain’t for stealing”

ceneri.

28 maggio 2015 § Lascia un commento

«Nessuna lista di cose da fare. Ogni giornata sufficiente a se stessa. Ogni ora. Non c’è un dopo. Il dopo è già qui. Tutte le cose piene di grazia e bellezza che ci portiamo nel cuore hanno un’origine comune nel dolore. Nascono dal cordoglio e dalle ceneri. Ecco, sussurrò al bambino addormentato. Io ho te». (Cormac McCarthy, La strada)

quilici.

20 maggio 2015 § Lascia un commento

una libreria va in fallimento e migliaia di libri giacciono a terra abbandonati, disordinati, senza amore, nella speranza che qualcuno venga a salvarli dal macerante oblio. questo piccolo incredibile tesoro quilici è stato svenduto per poco meno di dieci euro. ditemi voi se questo è giusto, ora. (borges, prega per noi)

tesoro quilici

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 362 follower