bowie.

11 gennaio 2016 § Lascia un commento

02 mad smilenon eri il mio preferito, ma hai scritto delle canzoni bellissime. fino all’ultimo momento ti sei guardato intorno, hai ascoltato, e hai cercato di emozionarci. questo pezzo è incredibile, così malinconico, eppure quasi senza tristezza, come un uomo che ha la fortuna di guardare felice alla vita che ha vissuto, senza rimpianti, né rimorsi; pensavo fosse il tuo modo per salutarci, eppure hai lottato, hai resistito, e anche quest’anno, proprio qualche giorno fa, hai voluto farci un altro regalo, un album diverso da tutti gli altri, sempre proiettato in avanti: una stella oscura, eppure bianca, abbagliante, per provare a mostraci cosa c’è dall’altro lato, magari. una volta ti ho pure visto, ricordo lo spaesamento davanti a un artista così grande che cantava cose che non capivo, ero piccolo; fino a ieri ho sperato, sognato, di vederti ancora una volta: sarebbe stato bello cantare le tue canzoni con gli amici, assistere non solo a un concerto, ma prendere parte a uno spettacolo. sarebbe stato davvero bello, sì… non pensavo finisse così. caro bowie, io ho sempre creduto fossi un vampiro, e invece adesso ti sei rivelato semplicemente immortale. ciao david, buon viaggio, sei di nuovo tra le stelle.

“Where are we now?
Where are we now?
The moment you know
You know, you know”

ciao Lou, grazie per la musica e per le parole.

27 ottobre 2013 § 1 Commento

ciao Lou, grazie per la musica e per le parole.

cose da ricordare del 2011; un elenco estemporaneo et speciale. (addio splinder, è stato bello!)

31 gennaio 2012 § 2 commenti

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria berlin su granelli.