morrissey.

16 ottobre 2014 § 1 Commento

Roma, 14/10/2014.
Nell’attesa di Morrissey, il palco è occupato da un microfono solitario e un drappo bianco su cui passano vari video anni ’60-’70: i primi sono i Ramones, poi c’è Brian Eno, i New York Dolls, varie dive, il toro che incorna il torero, e così via, perfino la regina che alza il dito medio, e uno sbeffeggiamento alla Tatcher morta! Come a dire: questa è la mia cultura. Poi entra lui, e ci si rende conto che un pezzo di quel mondo lì esiste ancora, per fortuna. Il concerto infatti – ovviamente – si rivelerà fantastico e commuovente, e non certo perché Moz ha annunciato di avere il cancro («Se muoio muoio, e se non muoio non muoio»). Morrissey è in gran forma, si dà tutto al suo pubblico, scherza, fa le linguacce, stringe mani. Siamo esseri umani, abbiamo bisogno di essere amati. Moz apre incredibilmente con “The Queen Is Dead”, e oltre a svariati pezzi solisti dal nuovo album e non, farà altri tre pezzi degli Smiths: “How Soon Is Now?”, “Meat Is Murder”, e un “Asleep” da lacrime sul finale. Durante la canzone animalista per eccellenza scorre il triste video degli animali macellati, molto toccante, seppur vecchio: possibile che oggi sia ancora così, forse anche peggio? Moz l’avrà visto millemila volte, ma è comunque provato dalla visione, come noi del resto. All’ingresso c’è perfino un manifestino che fa divieto di introdurre e consumare carne e pesce di qualsiasi genere all’interno del locale. Intanto il sudore va a disegnare un cuore sulla schiena di Morrissey, jeans largo e casacca rossa; «Fuori piove, qui dentro avete me», dice con la solita ironica umiltà. Non possiamo far altro che ringraziare, felici. Il gruppo è impeccabile, esteticamente e musicalmente; hanno pubblicato un nuovo disco, dice il Moz, lo possiamo ascoltare su youtube, se vogliamo, visto che – per dissidi con l’etichetta – è stato ritirato a tre settimane dell’uscita. Il buon Moz parla molto questa sera, ma le uniche parole che pronuncia in italiano sono «Grazie» e «Mio privilegio», appena entrato, inchinandosi, pur avendo vissuto a Roma e amando molto il nostro bel paese: incredibilmente rivela che “I Know It’s Over” («Una canzone che non canterò mai più», dice, soffocando una risata) è stata ispirata da una vecchia canzone di Rita Pavone, “Heart” (?): «Le melodie sono molto simili, se ascoltate con attenzione». Il colpo da maestro narcisista qual è arriva alla fine, un bis che dura lo spazio di una sola canzone purtroppo, alla fine di “Everyday Is Like Sunday” Moz si strappa la camicia indossata per l’occasione e la lancia al pubblico adorante (una tipa è perfino riuscita a salire sul palco e ad abbracciarlo) che, nel tentativo di guadagnarsene un pezzo, non ha nemmeno il tempo di vederlo a petto nudo: un attimo e lui è già scomparso. So long, Moz!

red mozbw moz

Annunci

Tag:, , ,

§ Una risposta a morrissey.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Che cos'è?

Stai leggendo morrissey. su granelli.

Meta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: